GIUSEPPE PRIMOLI E IL FASCINO DELL’ORIENTE. MUSEO NAPOLEONICO

15/03 – 08/09/2024

In occasione della mostra sul collezionismo in Italia di arte giapponese tra XIX e XX sec., il Museo Napoleonico propone una mostra tematica sull’interesse del conte Giuseppe Primoli per l’arte del Giappone e, più in generale del continente asiatico.

Si parte dal concetto di orientalismo ed esotismo presso la famiglia Bonaparte-Primoli, dal loro rapporto con l’Oriente vicino e lontano o, meglio, con i “molti Orienti” favoleggiati e vagheggiati dagli europei del tempo.

In occasione dell’esposizione sono visibili documenti, fotografie, libri, oggetti e manufatti di gusto, tema o manifattura orientale provenienti dalla Fondazione Primoli e dalla collezione del museo, tra i quali riveste un ruolo di primo piano il ventaglio con scene giapponesi dipinto da Giuseppe de Nittis a Parigi intorno al 1880 per la principessa Mathilde Bonaparte.

Fiore all’occhiello della mostra, l’esposizione di quattordici kakemono – rotoli  dipinti in carta o stoffa  della tradizione giapponese – appartenuti al conte Primoli. Si tratta di un nucleo dall’importante valore documentario, oltreché storico artistico, la cui peculiarità risiede anche nell’abitudine del conte di chiedere ai frequentatori del suo salotto di utilizzare gli spazi non dipinti dei kakemono per firmare e scrivere pensieri, poesie, frasi… Nei kakemono compaiono quindi componimenti autografi, firme e dediche di letterati francesi – tra cui Zola, Claudel, Valery, Loti, Anatole France – di poeti provenzali, di autori e interpreti di opere teatrali o di esponenti delle case reali d’Europa.

Conclude il “viaggio” espositivo la sezione dedicata al mirabolante Grand Tour fotografico di Luigi Primoli in India.

https://www.museonapoleonico.it/it/mostra-evento/giuseppe-primoli-e-il-fascino-delloriente

Síguenos:

Publicaciones Similares

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *